FAMILY GAY

Le posizioni di Gobbo, così come quelle di Giovanardi, sulla pubblicità dell’IKEA e sull’omosessualità in genere, sono terrificanti. Sono indignato ed offeso. Quelle di Gobbo, in particolare, sono dichiarazioni violente, che nella loro violenza covano un’omofobia patologica. La stessa omofobia, latente, che da un buon politico, andrebbe smorzata e non coltivata ed utilizzata a scopi retorico/promozionali. Un sindaco deve essere il rappresentante di tutti. Non solo degli omofobi. Io non sono omofobo. Le persone che amo non sono omofobe.
Quanto alla questione del “decoro”, secondo la quale per Gobbo due persone dello stesso sesso non si possono baciare in pubblico, allora mi chiedo che decoro possano avere certi manifesti leghisti che dal titolo sobrio di “RAZZA PIAVE”, oppure altri in cui veniva raffigurato un bel barcone carico di disperati con la scritta “ABBIAMO FERMATO L’INVASIONE”. E’ questo il suo decoro caro sindaco?
Io, per esempio, da quei manifesti che le appartengono, mi sento offeso , mi fanno vomitare. Trattengo la bile ogni volta che li vedo. Come la mettiamo? Non sono forse libero di non sentirmi offeso? Eppure devo sopportare quotidianamente i cartelli leghisti carichi di odio. Devo sopportare i politici leghisti e di destra che da anni costruiscono un clima di odio. Odio fine al consenso.
Questa cultura e questa retorica non mi appartiene. L’amore tra due persone, indipendentemente dal genere o dal sesso, quello si. Quello mi appartiene. E’ mio. E lo difenderò sempre e comunque contro tutti quelli come lei. Che mi costringono a vivere in un’atmosfera ed in una cultura che non mi appartiene, e che non voglio contamini le persone che amo. Voi giocate con l’odio, perché è facile. Siete liberi di odiare. Ed io sono libero di farvi notare che il vostro odio mi disgusta.
E’ davvero meschino fare una campagna elettorale continua basata sulla discriminazione e sulla paura dell’altro. Treviso e la sua provincia meritano davvero di meglio. E ci sarebbe davvero tanto di meglio da fare.

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to FAMILY GAY

  1. dariop says:

    Quello della lega è un mondo in cui l’odio rende di più dell’affetto, la violenza più della fratellanza, la competizione spietata più della collaborazione amichevole.

    Per dirla con Robin Lakoff: “L’attrattiva dei populisti scaturisce da un affastellarsi di ignoranze: ignoranza della Costituzione, ignoranza dei benefici che nascono dall’unirsi in sindacato, ignoranza della scienza nel mondo moderno, ignoranza della propria ignoranza” (Huffington Post, 30 marzo 2011). http://tinyurl.com/63zculg

    continua a lottare

    Dario

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s