SI [cambiare l’Italia nel weekend]

Domenica e lunedì bisogna andare a votare. E bisogna votare SI a tutti i quesiti. Acqua, nucleare e legittimo impedimento. Lo strumento del referendum, negli ultimi anni, ha perso la sua forza democratica. Siamo stati chiamati a pronunciarci su quesiti incomprensibili, su questioni tecniche, strumentalizzati da forze politiche in cerca di visibilità e consenso.
E’ giunto il momento di usare il referendum, questo referendum, per riprenderci il potere ed il diritto che ci spetta costituzionalmente. Questo referendum è carico di significati, sono talmente tanti che non riesco nemmeno a descriverveli. Quello che so è che questo, dopo tanti anni, è un referendum POTENTE. E tutti noi, uno per uno, abbiamo la possibilità di esercitare il nostro diritto di opinione così come ci è garantito dalla Costituzione della nostra Repubblica.
Non andare a votare, questa volta, è davvero da codardi. Non andare a votare, questa volta, vuol dire davvero essere complici della situazione tragica in cui versa il paese. Un paese fermo, che non cresce, che non valorizza i giovani, che non legifera, che si occupa solo dei capi e dei potenti, perchè mantengano il loro potere.
Bene, diciamo in faccia a questi “miserabili al potere” che domenica e lunedì il potere ce lo abbiamo NOI.
Andiamo a votare, battiamo il quorum.
Votiamo SI per non avere mai centrali nucleari sotto casa e per dare un segnale affinché tutte le centrali europee vengano spente. Perché le energie alternative esistono e noi vogliamo cambiare, e puntare su quelle.
Votiamo SI per non avere mai una bolletta dell’acqua a tre cifre, perché l’acqua è un diritto primario, perché i privati e il mercato non possono lucrare su un diritto primario.
Votiamo SI per cancellare la legge sul legittimo impedimento, perché la legge è uguale per tutti, perché è una legge fatta per aiutare Berlusconi a fuggire dalla giustizia. Perché la giustizia stavolta SIAMO NOI, e possiamo dimostrarlo.
L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.” E’ giunto il momento che ognuno di noi eserciti la propria sovranità. Siamo noi che comandiamo, dentro una cabina elettorale, siamo noi. Andiamo tutti a votare.
Cambiamo l’Italia.
Cambiamola questo fine settimana.

This entry was posted in Uncategorized and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s